martedì 8 aprile 2014

Solo mie.

Mi sono ritrovato in tasca l'ipod di un mio amico.
Me l'ha dato per scaricare 16 giga di canzoni.
Non penso che lo userò.

La musica è qualcosa di personale, crea emozioni.
Impossibile vivere le sue come lui non può vivere le mie.

Le canzoni ti capitano così, ti cadono addosso.
In auto, alla tv, per radio, nei locali, un amico che ti dice "ascolta questa".

E nel momento che ti arrivano, sono perfette. Perfette per lo stato d'animo, per il momento.

La prima cosa che ho imparato è che le canzoni sono delle spugne, dei veri e propri archivi di sensazioni.
Memorizzano il tuo stato d'animo del momento e poi te lo ripropongono ogni volta che riascolti quel brano. Anche dopo anni.
E ogni volta ti ricordi come stavi quella volta.

Mi ricordo la prima volta che mi sono avvicinato al rock nel 1993 con Knockin on heavens door dei Guns.

La prima cotta con Keep the faith di Bon Jovi nel 1996.

Ricordo i lunghi capelli biondi e le gambe abbronzate di Marta nell'estate romana del 2000 con Forgiven di Alanis Morisette.

Oppure mi viene in mente Emit Remmus dei Red Hot per un maledetto 2004 fatto di neve, dolore, attesa, tristezza, vuoto.

Sensazioni.
Momenti.
Attimi.
Tutti racchiusi dentro i miei cd.

La musica diventa te stesso.

E le canzoni diventano mie.
Solo mie.



Am I wrong?
Have I run too far to get home
Have I gone?
And left you here alone
If I would, could you?


[Would - Alice in chains]

28 commenti:

  1. La colonna sonora di uno dei miei primi ragazzi era Tu no dei Gemelli Diversi. Non poteva durare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha.
      No, effettivamente non poteva durare.

      Elimina
  2. Vero! Le canzoni (i profumi anche) sono i richiami più potenti per quanto riguarda il vissuto e i ricordi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I profumi sono un'epifania costante.

      Elimina
  3. Quanto hai ragione, le canzoni ti si stampano nella memoria e ti ricordano per sempre attimi, sentimenti, persone...io avevo tutta una serie di cd 'Sull'orlo del baratro' per le occasioni tagliamoselevene, più tutta una compilation degli addii struggenti...ah, bei ricordi! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha un compilation che non può mai mancare! Yeah!

      Elimina
  4. Magari in 16 giga qualche perla si trova. Io gli darei un' opportunità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ma senz'altro si trovano delle perle. E' che io... preferisco la condivisione di un singolo album o artista alla volta. Altrimenti mi sento come travolto da uno scaffale del supermercato.

      Elimina
  5. "Memorizzano il tuo stato d'animo del momento e poi te lo ripropongono ogni volta che riascolti quel brano. Anche dopo anni.
    E ogni volta ti ricordi come stavi quella volta."
    quanto è vero!!!!!!! :)
    mi ci ritrovo perfettamente in questo post!!! :)
    molto bello!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio.
      Effettivamente è incredibile come rinascano tutte quelle sensazioni nello stomaco. Questa è magia!!

      Elimina
  6. Le canzoni sono il carburante della nostra personale macchina del tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh ma che perla Lila, che perla!! :-D

      Elimina
  7. la cosa bella della musica in generale è che è una costante ricerca. C'è sempre qualcosa di nuovo, di sconosciuto che ci colpisce.
    Ad esempio, io ho un ricordo nitidissimo sulle note di Ironic di Alanis. Mio, solo mio. Perchè ognuno, nelle note, ci mette quello che vuole e, una volta fatto, rimane impigliato lì per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì. Ed è bello come i generi cambino costantemente.
      L'effetto spugna è incredibile, un viaggio nel tempo.

      Elimina
  8. Mia madre per natale mi aveva regalato uno stereo nuovo. Non ricordo l'anno. Era stupendo, all'epoca.
    Mi piaceva registrare dalla radio pezzi nuovi, su audio cassette vergini. Un giorno rimasi delusa, nel rendermi conto che quello che stavo ascoltando non era il pezzo che avevo creduto. Ma quella musica mi rapì, fino a diventare una droga. Credo di aver finito quel nastro, a furia di riavviarlo.
    Mi sembrava di aver scoperto la canzone perfetta. C'era tutta la mia angoscia di bambina adolescente. C'è voluto del tempo prima che scoprissi che si trattava di un capolavoro. Che si trattava di Creep, dei Radiohead.
    Bellissimo post. Evocativo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh! Creep, molto bella, l'ho conosciuta tempo dopo.
      Anch'io affondavo i tasti dello stereo per registrare canzoni dimmezzate dai programmi radiofonici... ma poi... facevo una fatica boia per trovare titoli e testi. Un inferno! ;-)

      Elimina
  9. E' assolutamente vero, anche io riesco a ricordare quello che ho provato la prima volta che ho sentito una canzone, non importa quanti anni siano passati.
    In realtà è ciò che mi succede anche quando scrivo, ecco perché lo faccio.

    L'ho sempre detto, la vita dovrebbe essere, per questo, come nei film: da qualche parte non meglio identificata dovrebbe uscire un sottofondo musicale che accompagni il momento in questione. Stile epico, proprio!

    E' per emozioni come quelle che mi suggeriscono certe note che non ascolto più determinate canzoni.
    Bel post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahah sìsì anch'io sono dell'idea che ogni tanto, da qualche parte, dovrebbe partire una colonna sonora. :-D

      Elimina
  10. Penso sempre che il nostro corpo sia di per sè uno strumento. A dare il ritmo c'è quel muscolo stakanovista posto a centro campo , e poi tutto ciò che ci tocca va a pizzicare le nostre corde. Ne escono fuori giornate stonate a volte o giornate in cui ti senti "teso come una corda di violino" di fronte a certe situazioni e/o persone. Dicevo siamo noi uno strumento, è nostro compito prendercene cura alimentandolo con la buona musica.
    ps.- a proposito di musica, in sti giorni c'ho una canzone in testa che non si leva più ...(Senza di te-Zibba) mi da serenità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì, che bella immagine. E migliorarci per diventare dei gran suonatori. :-)
      E' bello quando ci sono canzoni che non si levano dalla mente perchè quando si aascoltano danno una sensazione di appagamento unica.

      Elimina
  11. le canzoni sono delle spugne. Non potevi spiegarlo meglio, davvero!
    Questo post oserei dire che è toccante, sarà che io senza la musica non potrei vivere!
    Ebbravo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona.
      No, nemmeno io, del resto immagazzinano ricordi meglio di una macchina fotografica no?

      Elimina
  12. Premio per te :-)

    http://wannabefiga.blogspot.it/2014/04/il-verbo-del-liebster.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madonna, ne sono lusingato e non lo merito, fidati.

      Elimina
  13. ci sono delle canzoni che non posso più sentire. mi si squarcia l'anima e mi viene da piangere dovunque mi trovi! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto ti capisco! Il magone si sente sempre. Solo qualcosa di speciale può cancellarlo.

      Elimina
  14. Non esiste, un momento particolare nella mia vita ( e nella mia agenda) che non sia associato a una canzone .


    L amore per me è desire -under your spell ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì.
      Non conosco la canzone, ma dal titolo... :-)

      Elimina