mercoledì 4 giugno 2014

Ma ritorniamo a noi.

Chi vive da solo potrà capirmi.

Alle volte capita di essere in modalità autogestione da stessi.

Come quando torno a casa "stanchino" dopo un weekend al mare in cui sono rimasto in costume per 48 ore di seguito e la prima doccia che mi faccio scende tanto di quel nero che mi affascino nel vederlo.

Per poi dormire direttamente sul materasso perchè mi sono dimenticato di rifare il letto.
O la valigia aperta per casa che diventa l'armadio-due.

In estate va così.
In estate sono sempre così.

Mi lascio un attimo andare.

Il problema è quando il mio fregarmene del resto si scontra con un altro difetto che mi appartiene: quello di correre. 

E così mi ritrovo qui ad aspettare due multe sicure di 30 km/h sopra il limite (se mi va proprio di culo).

E' che mi sento Alonso.
Alle volte anche nei corridoi dell'ipercoop quando non c'è nessuno.
O quando faccio zapping sfrenato demoniaco in tv.
Ma anche durante l'ingozzamento a pranzo. 
O quando parlo allavelocitàdellalucemangiandmituttleparole. "Che hai detto?"

Che poi l'unica volta in cui sono andato dritto in una curva stavo rispettando i limiti.
Ora la curva porta il mio cognome.
Ma li non è colpa della velocità ma dell'unica cosa che alle volte mi si rallenta... la testa! 


Wrooooaaammmmm.

14 commenti:

  1. Occhio a non correre "sempre" :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì fai bene a puntualizzare. Non sempre.

      Elimina
  2. Io ho fatto di meglio. L'unica volta in cui andavo a 110 sull'A24 un altro po' stiro a causa del ghiaccio. Poi dici la velocità miete vittime...

    RispondiElimina
  3. Amo guidare, mi piace la velocità -e prima o poi prenderò anche la patente della moto- e ti capisco.
    Però occhio a non correre sempre.

    Vale A

    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, quando ho qualcuno in auto non corro mai.

      Elimina
  4. Non tocchiamo questo tasto dolente.
    Ho acceso mille cerini in casa per scongiurare una multa oltre i 30 km/h che secondo i miei calcoli dovrei aver preso a fine aprile.
    Sudo freddo...e mica per il caldo.

    ps. il mio borsone è ancora lì, sfatto sul balcone. A sto' punto rimane già pronto per la prossima volta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco bene.
      Massì il borsono rimane mezzo fatto fino a settembre :-)

      Elimina
  5. Va bene la vita spericolata, ma non disfare la valigia e lasciare che le mutande lorde prendano vita da sole nel sacchetto della biancheria è davvero un gesto sconsiderato e da incoscienti u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto ormai sono sempre in costume pure al lavoro hahaha

      Elimina
  6. armadio due, diventa spesso in certi momenti delle mie trasferte il mio secondo letto.

    Giuro che non scherzo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahahaha storie di vita vissuta :-)

      Elimina
  7. Condivo ogni singola parola del vivere da soli. Ma quanto è bello fare le gare di corsa con i carrelli?!?! Quando mi rendo conto di essere in pubblico e quindi la smetto mi sento una cogliona ma quei brevi ed intensi momenti di brivido mi fanno sentire felice! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha vero, questo è il vantaggio di andare a fasre la spesa tardi alla sera :-)

      Elimina